Mafia: Maria Falcone, Dalla Chiesa resta esempio per tutti

}3 Settembre 2020
Francobollo Dalla Chiesa
“Il generale Dalla Chiesa resta simbolo dello spirito di servizio a difesa delle istituzioni e continua a essere un imprescindibile punto di riferimento per tutte le donne e gli uomini dello Stato che hanno scelto di dedicarsi alla tutela della collettività”.  Lo dice la professoressa Maria Falcone, presidente della Fondazione Giovanni Falcone, nel giorno del 38esimo anniversario dell’uccisione del prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa, della moglie Emanuela Setti Carraro e dell’agente di scorta Domenico Russo. “Per mesi – continua – chiese, inascoltato, che gli si dessero gli strumenti per una azione incisiva contro i clan. Ma fu nei fatti lasciato solo e disarmato e la sua morte rappresentò una dolorosa sconfitta dello Stato nella lotta alla mafia”. “In via Carini però -aggiunge – il 3 settembre del 1982 non morì la speranza dei siciliani onesti, ma germogliò la consapevolezza di tutta la società della necessità di una lotta corale a Cosa nostra”. “Restano ancora molti lati oscuri nel barbaro assassinio del Prefetto Dalla Chiesa- conclude Maria Falcone- E solo la verità piena potrà rendere onore al suo sacrificio”.

HAI BISOGNO DI INFORMAZIONI
O VUOI PROPORCI UN PROGETTO?

Compila il modulo o inviaci una mail ad info@fondazionefalcone.it

13 + 6 =

Skip to content